Poarch Band of Creek Indians ribadisce l’impegno per lo sviluppo economico in Alabama

La Poarch Band of Creek Indians ha ribadito il suo impegno a sostegno dello sviluppo economico in Alabama, a seguito delle preoccupazioni locali sull’influenza crescente percepita dal gruppo in tutto lo stato.

I resoconti dei media locali hanno affermato che un nuovo gruppo ha chiesto che la tribù fosse ritenuta responsabile per come spende le entrate, nonostante gli sforzi di espansione della tribù e i contributi economici attraverso le tasse.

La tribù ha attribuito i suoi successi a livello nazionale alla sua solida base all’interno dell’Alabama, che ha permesso alla tribù di investire ed espandersi in tutto il paese e a livello internazionale. Ha investito oltre un miliardo di dollari in tre entità di gioco all’interno dello stato di Yellowhammer, vale a dire le proprietà di Wind Creek ad Atmore, Montgomery e Wetumpka.

La tribù ha confermato che attualmente sta investendo ulteriori $ 250 milioni in OWA, che significa “grande acqua” nella lingua del Muskogee Creek, oltre a ulteriori $ 100 milioni per la costruzione di un parco acquatico al coperto e di un hotel.

Le tre proprietà si trovano su una terra tribale e rientrano nella competenza normativa della National Indian Gaming Commission. Lo stato dell’Alabama quindi non ha alcuna autorità e l’obbligo della tribù zero di pagare le tasse statali sulle entrate da gioco, secondo l’Indian Gaming Regulatory Act.

Il PBCI ha sottolineato che rimane impegnato in un’offerta di vecchia data per negoziare un patto con il Governatore dell’Alabama che ritiene fornirà un flusso di entrate, avvantaggerà i cittadini dell’Alabama e fornirà un quadro equo e ben regolato per i giochi in tutto lo stato .

Commentando: “Per oltre quarant’anni, abbiamo suggerito opzioni sia per il Governatore che per i legislatori statali. Più di recente, abbiamo proposto piani dettagliati che prevedono la collaborazione con lo stato per la fornitura di oltre un miliardo di dollari di nuovi ricavi in ​​Alabama “.

Continuando la sua dichiarazione in un comunicato stampa, la tribù ha aggiunto: “Sebbene le nostre offerte non siano state accettate, continuiamo a pagare le tasse, come fanno tutte le attività legali e responsabili. Continuiamo anche a donare milioni di dollari in tutto lo stato e la regione, il che non è richiesto dalla legge ma fa parte del nostro impegno di essere un buon vicino.

“Purtroppo, ora c’è uno sforzo organizzato da parte di entità che non condividono il nostro impegno di essere buoni cittadini aziendali per minare le nostre imprese ben regolate e le nostre buone opere.

“Non possiamo iniziare a capire la loro motivazione per spendere fondi su un sito Web e pubblicità a pagamento basata su bugie e disinformazione. Suggeriremmo di considerare di concentrare nuovamente la loro attenzione nel rendere l’Alabama un posto migliore in cui lavorare e vivere per tutti noi che amiamo il nostro stato ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *