Espinosa mantiene la leadership di DGOJ in vista della revisione del gioco d’azzardo spagnolo

Juan Garcia Espinosa manterrà la sua posizione di direttore generale dell’autorità di regolamentazione del gioco d’azzardo spagnolo – Dirección General de Ordenación del Juego (DGOJ).

Mercoledì scorso, il nuovo governo spagnolo della coalizione PSOE e Podemos ha concluso una riunione del Consiglio dei ministri, in cui sono stati confermati i “cambiamenti strutturali” nei dipartimenti ministeriali spagnoli.

Nonostante abbia sanzionato significativi cambiamenti ministeriali, il governo di coalizione “unione socialista” della Spagna ha scelto di mantenere Espinosa come principale funzionario della nazione per le politiche di gioco d’azzardo.

Alla guida del DGOJ dal 2017, Espinosa ha guidato una serie di iniziative politiche chiave incentrate principalmente sul miglioramento del trattamento dei danni da gioco, sul miglioramento dei quadri collaborativi del DGOJ e sulla riclassificazione della dipendenza da gioco come problema di salute mentale.

Ristrutturando i dipartimenti di regolamentazione spagnoli, l’incontro di mercoledì vedrà il PSOE-Podemos trasferire le responsabilità di supervisione del DGOJ dal Ministero delle finanze al Ministero degli Affari dei consumatori guidato dal Vice Podemos Alberto Garzon.

La leadership di PSOE-Podemos aveva precedentemente confermato che il controllo regolamentare del gioco d’azzardo spagnolo sarebbe stato trasferito al dipartimento di Garzon come parte del “programma di coalizione” del governo.

Nella sua decisione, il nuovo governo spagnolo afferma che il gioco d’azzardo richiede la supervisione del Ministero degli Affari dei consumatori, poiché la dipendenza da gioco d’azzardo richiede un attento controllo da parte delle reti sanitarie nazionali spagnole.

Assumendo il controllo del ministero spagnolo per i consumatori, Garzon indicherebbe ai media spagnoli che il governo sanzionerebbe imminenti cambiamenti radicali delle leggi sul gioco d’azzardo in Spagna entro un periodo di 2-3 settimane.

Spiegò che erano necessari ampi cambiamenti federali per rivedere i quadri di gioco autonomi spagnoli, che avevano deluso le comunità e le famiglie locali mettendo in pericolo i consumatori vulnerabili.

Ulteriori sviluppi del mercato hanno visto FACUA, l’agenzia indipendente per gli affari dei consumatori in Spagna, consigliare a PSEO-Podemos di “replicare le misure di gioco più sicure del governo del Regno Unito” esortando la leadership della coalizione a implementare un divieto sulle transazioni con carta di credito in tutti i settori industriali.