Si ferma anche la Serie A: rinviate tutte le gare di Lombardia e Veneto

Il premier Conte ha annunciato il provvedimento deciso dal ministro Spadafora: non si giocano Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari e Inter-Sampdoria

Anche lo sport si ferma, Serie A compresa. È la conseguenza inevitabile dell’emergenza Coronavirus dopo i primi casi di contagio in Italia. Dopo una giornata di attesa in serata il premier Conte ha dichiarato che “il ministro Spadafora ha già annunciato la determinazione a sospendere tutte le attività sportive programmate per domani in Veneto e in Lombardia”. Rinviate a data da destinarsi quindi Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari e Inter-Sampdoria. Ma il provvedimento verrà allargato a tutte le discipline sportive nelle due regioni. Il ministro dello Sport Spadafora ha infatti inviato una lettera al presidente del Coni Malagò in cui chiede “di farsi interprete presso tutti i competenti organismi sportivi dell’invito del governo a sospendere tutte le manifestazioni sportive di ogni ordine e grado e disciplina (quindi anche la Serie A, ndr) previste nelle Regioni Lombardia e Veneto per la giornata di domenica 23 febbraio”. L’invito, come specificato nella stessa lettera, non è da estendere alle squadre delle due regioni colpite impegnate in trasferta, “salvo che i medesimi atleti provengano dalle aree indicate come focolai del contagio”. Quindi Pordenone-Chievo in Serie B dovrebbe disputarsi regolarmente. In Serie C invece, rinviate nel girone A Giana-Como, Lecco-Pro Patria, nel girone B Arzignano-Padova e Feralpisalò-Carpi.

LA CONFERMA DI SALA 

La notizia è stata confermata anche dal sindaco di Milano Sala: “Dal Consiglio dei Ministri riceviamo alcune prime istruzioni relative a misure da applicare a Milano. La partita Inter-Sampdoria di domani sera verrà dunque rinviata, così come tutti gli altri eventi sportivi programmati”.

OGGI ERA SALTATA ASCOLI-CREMONESE   

Il rinvio più rilevante fino a questo momento era stato quello di Ascoli-Cremonese, 25° turno di Serie B, in programma alle 15 oggi pomeriggio al “Del Duca”: la partita è stata rinviata a data da destinarsi. Avevano già raggiunto Ascoli 78 tifosi della Cremonese, che sono risaliti sul pullman per tornare a casa.

LOMBARDIA DILETTANTI

E sono 95 su 502 le partite dei campionati dilettanti rinviate in Lombardia per l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus. Il comitato regionale della Lega Dilettanti della Lombardia ha infatti fornito un primo aggiornamento rispetto alle previsioni iniziali per i match di diversi campionati, dall’eccellenza alle juniores femminili fino alle giovanili.

RINVII

Nel calcio, dopo il rinvio di Piacenza-Sambenedettese (Serie C), l’emergenza fa rinviare a data da destinarsi anche Mantova-Fanfulla (girone D di Serie D), in programma domenica 23 febbraio alle ore 14.30. Il Fanfulla è una squadra con sede a Lodi, mentre il Mantova ha già disposto e annunciato le modalità per il rimborso dei biglietti. Rinviate anche Prato-Fiorenzuola e Caravaggio-Crema valide per il campionato Juniores nazionale. Rinviate Este-Mestre sdi Serie D e Chions-Este, juniores nazionale

Rinviata a data da destinarsi Cremonese-Bresciadel campionato Primavera 2 in programma oggi alle 14.30 “a causa dell’emergenza sanitaria che sta coinvolgendo il Cremonese, che ha portato anche alla chiusura per ordinanza del Sindaco delle scuole di ogni ordine e grado nel comune capoluogo”. Non si giocheranno inoltre e Progresso-V.CarpanetoCrema-Forlì e Levico-Pro Sesto di Serie D (tutte in programma domenica alle 14.30) e per l’ordinanza del sindaco di Levico Terme.

IN EVOLUZIONE

La situazione comunque è in continua evoluzione e altre partite potrebbero essere rimandate. Basket e volley e altri sport hanno rinviato diversi match per un totale di almeno 40 eventi, tra cui le sfide di Serie A-2 femminile di pallacanestro Castelnuovo Scrivia-Crema e Vicenza-Albino. E in serata la Federbasket ha annunciato la sospensione di “tutte le gare gestite dal Comitato Regionale Veneto e dagli uffici gare distaccati provinciali, da oggi sino a mercoledì 26 febbraio”. Stessa decisione presa dalla Federugby, sempre per quanto riguarda il Veneto, in questo weekend e anche il Comitato Regionale Fipav Veneto ha optato per la sospensione di tutte le gare di oggi e domani dei campionati di serie C e serie D, maschile e femminile, oltre che di tutte le gare relative ai campionati giovanili. Sospese dalla Fidal pure le gare previste per domani al Palaindoor di Padova.

Fonte:Gazzetta.it