L’ente commerciale polacco esorta i ministri a ripensare sul regime del gioco d’azzardo per un’economia moderna

La Polska Izba Gospodarcza Branży Rozrywkowej (PIGBRiB), agenzia polacca per il gioco d’azzardo, ha pubblicato un rapporto che delinea le modifiche globali riguardo i quadri di gioco online e terrestri della nazione.

PIGBRiB ha pubblicato il suo rapporto al SEJM di Varsavia, la camera bassa della Polonia, definendo “non praticabili” le forze di gioco del Tesoro polacco del 2017 per un’economia moderna in crescita.

Nel 2016, il Partito conservatore nazionale PiS al governo della Polonia ha sanzionato il Ministero del Tesoro per intraprendere una profonda riforma dei codici di gioco della Polonia, cambiando drasticamente la composizione del mercato nel 2017.

Applicando un’imposta sulla cifra d’affari del 12% su tutti i giochi d’azzardo verticali e limitando ulteriormente i giochi da casinò online al dominio del monopolio statale Totalizator Sportowy, la Polonia è stata bollata come un “mercato impraticabile” dagli operatori europei in partenza.

Dopo tre anni sotto il nuovo regime di gioco d’azzardo, PIGBRiB ha esortato i ministri SEJM a ripensare la legislazione attuale, poiché le soluzioni pro-business “stimolerebbero un mercato sano e competitivo delle scommesse, ma massimizzerebbero anche i benefici per il bilancio statale”.

La sostituzione dell’imposta sul fatturato globale della Polonia del 12% è in cima all’agenda di PIGBRiB, in cui l’organismo commerciale esorta SEJM a superare un’aliquota del 20% GGR – un’aliquota fiscale del settore adottata dalla maggior parte dei mercati regolamentati dell’UE.

 Il rapporto PIGBRiB esorta i ministri a ripensare la politica sui “quattro criteri critici” per aiutare la Polonia a sviluppare un mercato del gioco d’azzardo regolamentato efficace. L’organismo commerciale esorta i ministri a stabilire le priorità:

Lo sviluppo di una rigorosa “unità di vigilanza sanzionata dallo stato” che controlla tutti gli operatori e i servizi regolamentati.
Sviluppare la legislazione sul gioco d’azzardo sui meriti sociali ed economici, a beneficio delle entrate statali ed eliminare le “aree grigie” per gli operatori storici del mercato.
L’organismo raccomanda l’analisi costante delle imprese statali e private per bilanciare le condizioni di mercato a vantaggio di entrambi gli attori.
Sviluppare politiche di gioco d’azzardo guidate dai consumatori, che incorporino le opinioni del consumatore in merito alla legislazione sui prodotti di gioco d’azzardo, alla pubblicità e alle restrizioni del mercato.
Sostenendo la sua relazione, PIGBRiB ha indicato casi studio dei membri dell’UE su quadri fiscali e politiche legislative efficaci in materia di gioco d’azzardo, che hanno protetto i consumatori nazionali aumentando al contempo le entrate del bilancio statale.

Nonostante i numerosi appelli e gli operatori stranieri di PIGBRiB che sfidano il governo polacco a rinunciare ai suoi requisiti di regime, il governo polacco PiS e il Ministero del Tesoro non hanno indicato che una revisione del gioco d’azzardo verrà intrapresa in un prossimo futuro.