King’s Casino vieta l’ingresso agli italiani a causa di CONVID-19

La più grande sala da poker d’Europa, il King’s Casino di Rozvadov, ha annunciato questa settimana di aver bandito tutti i giocatori italiani dal suo resort “per prevenire la diffusione dell’infezione da coronavirus (COVID-19)”.

L’annuncio è stato fatto lunedì attraverso l’account Facebook ufficiale del resort e arriva in seguito al primo caso di coronavirus registrato nella capitale della Repubblica Ceca, Praga.

La nuova politica ha costretto la cancellazione di eventi che erano previsti per marzo e aprile. La restrizione è stata annunciata con effetto immediato e rimarrà in vigore mentre i funzionari controllano la situazione.

La direzione di King’s Casino ha dichiarato che revocherà il divieto non appena la situazione migliora.

Ecco la dichiarazione ufficiale: “King’s Resort comunica con rammarico ai suoi clienti che, vista l’evoluzione del fenomeno epidemico coronavirus che, per alcune ore, ha interessato anche la Repubblica Ceca.

“Al fine di salvaguardare la salute dei nostri ospiti internazionali e prevenire la diffusione del COVID-19, abbiamo scelto di limitare completamente l’accesso in tutte le aree del casinò, senza nemmeno accettare prenotazioni alberghiere, a tutti i residenti e provenienti dall’Italia a tempo indeterminato, cancellando da ora in poi tutti gli eventi di marzo e aprile 2020 destinati principalmente al pubblico sopra menzionato.

“Data la costante evoluzione della situazione, seguiremo tutti i nuovi sviluppi, nella speranza di rimuovere questa limitazione a un pubblico a cui siamo molto affezionati, fornendo comunicazioni tempestive tramite i nostri canali il più presto possibile.

“Ti informiamo che, salvo nuove disposizioni, il calendario degli eventi della Poker Room rimane invariato dal 1 maggio 2020 in poi.”

Ad oggi (5 marzo) sono stati segnalati 3.089 casi di coronavirus in Italia, l’epidemia più grave in Europa, con 107 morti.

A livello globale ci sono state 3.200 persone che sono morte a causa del virus con oltre 90.000 persone dichiarate infette, con la stragrande maggioranza in Cina, dove il virus è emerso alla fine dell’anno scorso.

Questo è l’ultimo di una serie di casinò che prendono ulteriori precauzioni a causa dell’epidemia di COVID-19. Il casinò dell’Oregon è stato costretto a chiudere le sue porte a seguito di un caso positivo di coronavirus, che ha segnato il terzo presunto caso del Beaver State.

La sanificazione è stata immediatamente avviata presso il Wildhorse Resort and Casino, con proprietà delle Tribù confederate della riserva indiana Umatilla, affermando che tutte le promozioni e gli eventi sono stati annullati fino a quando non sarà possibile fornire ulteriori aggiornamenti.

Il mese scorso i Melco Resorts and Entertainment hanno rivalutato tutti gli investimenti non core che avrebbero dovuto essere realizzati nel 2020 a causa dell’impatto dell’epidemia di coronavirus.

Lo sviluppatore, proprietario e gestore delle strutture di gioco e di intrattenimento del casinò ha dichiarato che la decisione arriva in mezzo a un grave calo del turismo in Asia verso le strutture turistiche integrate nella regione e la recente decisione del governo della RAS di Macao di chiudere tutti i casinò di Macao.

Galaxy Entertainment Group ha condiviso una “preoccupazione personale a seguito dello scoppio del coronavirus”, alla fine del mese scorso, quando hanno pubblicato i loro ultimi rapporti finanziari.

Il presidente Lui Che Woo, che ha donato 2,5 milioni di dollari alla provincia cinese di Hubei per aiutare a combattere l’epidemia e aiutare nelle operazioni di soccorso, ha iniziato l’ultima dichiarazione finanziaria dell’azienda con una lettera di aggiornamento sugli impatti della pandemia.

Una sezione della lettera di Woo recita: “È in momenti come questo che l’intera comunità deve lavorare insieme per superare queste sfide. Abbiamo affrontato sfide simili in passato e abbiamo superato queste sfide precedenti. Sono fiducioso che col tempo supereremo la sfida attuale.