Premier League: il Tottenham conferma che un suo giocatore è risultato positivo al quinto round di test coronavirus

A seguito dei 1197 test Coronavirus in Premier League, il Tottenham ha affermato la presenza nel suo team di un individuo contagiato ma “asintomatico” che si “auto isolerà per sette giorni”

Il Tottenham ha confermato di aver ricevuto conferma dalle autorità sanitarie, della presenza di un giocatore positivo al Covid19 nel suo team, dopo i recenti tamponi effettuati per il quinto round in Premier League. A causa della riservatezza medica, il nome dell’individuo non verrà divulgato.

Ricordiamo che il quinto lotto di test ha avuto luogo lunedì e martedì di questa settimana.

La notizia, segue i risultati del quarto round pubblicati lo scorso fine settimana, in cui non sono stati accertati altri test positivi.

Il bilancio indica attualmente un totale di 12 individui positivi su 3882 tamponi effettuati.

Tutti e 20 i club di punta, che sono ora tornati ad allenarsi a stretto contatto, continuano ad aderire agli ultimi consigli medici del governo e della sanità pubblica in Inghilterra per consentire una ripresa graduale dello sport nel Regno Unito, come ritorno alla Premier League corrisponde agli approcci a porte chiuse.

Mercoledì la Premier League ha rilasciato la seguente dichiarazione in merito alle ultime cifre dei test: “La Premier League oggi può confermare che lunedì 1 giugno e martedì 2 giugno, 1197 giocatori e il personale del club sono stati testati per COVID-19. Di questi, uno ha testato positivo da un club.

“I giocatori o il personale del club che risultano positivi si autoisoleranno per un periodo di sette giorni.

“La Premier League fornisce queste informazioni aggregate ai fini dell’integrità e della trasparenza della competizione. La League non fornirà dettagli specifici sui club o sui singoli individui e i risultati saranno resi pubblici dopo ogni prova.”

Se qualche giocatore del Manchester City o dell’Arsenal e dell’Aston Villa o dello Sheffield United rispondessero a test positivi, quasi certamente li escluderebbe dalle partite delle rispettive squadre previste per il 17 giugno.

Le regole di “riavvio del progetto” richiedono che un giocatore positivo rimanga fuori dalle attività di gruppo per 14 giorni (soggetto al ritorno di un test negativo).

I test continueranno su base bisettimanale man mano che la ripresa della stagione si avvicina.