La CE indaga sui regimi fiscali dei casinò della Bundesland

La Commissione europea ha confermato questa settimana che indagherà sui quadri normativi statali tedeschi allegati alla politica fiscale sui casinò terrestri per valutare se alcune sovvenzioni fiscali favoriscono gli operatori statali.

Confermando la sua indagine, la CE precisa di aver ricevuto numerosi reclami che marchiano le sovvenzioni e le garanzie fiscali della Bundesland (stato tedesco) offerte ai “casinò pubblici” come forme di aiuti di Stato, violando il diritto commerciale dell’Unione europea.

Inoltre, la CE valuterà se ulteriori oneri fiscali a livello statale imposti sulle “capacità economiche” degli operatori di casinò privati ​​abbiano creato un mercato ineguale per la concorrenza.

Al momento, ci sono 65 casinò terrestri che operano in Germania, di cui metà sono di proprietà o in parte di proprietà delle autorità del Bundesland.

In base ai quadri normativi esistenti, i singoli stati tedeschi hanno l’autorità di stabilire le condizioni di licenza individuali e le aliquote di tassazione degli operatori all’interno dei rispettivi “Atti del casinò” della Bundesland.

Di particolare preoccupazione, la CE indagherà sull’adattamento della Bundesland del Nord Reno-Westfalia al suo “Casino Act”, che si presume abbia concesso numerose concessioni fiscali all’operatore sostenuto dallo Stato Westspiel GMBH, che consente all’operatore di assicurarsi il proprio dominio sul mercato la Regione.

Funzionari CE confermano che le singole parti e le parti interessate più ampie avranno la possibilità di presentare commenti e informazioni in merito all’assistenza alle sue indagini sulla tassazione tedesca dei casinò.