Secondo quanto riferito, l’HRI avrebbe considerato la vendita di Tote Ireland

È stato riferito che Horse Racing Ireland (HRI) sta discutendo con un certo numero di terze parti sulla vendita di Tote Ireland in tutto o in parte a interessi privati, con una revisione approfondita del tote già in corso.

Riferito dall’Irish Times, il tote ha affrontato una serie di sfide negli ultimi anni, avendo lottato per competere con un settore dominato dalle società di scommesse online combinato con un calo dei passi nei circuiti irlandesi.

L’anno scorso, i dati hanno mostrato un calo del 33,3% delle scommesse totali, fino a 69,2 milioni di euro, che è stato in gran parte attribuito a un panorama normativo internazionale in evoluzione. Il governo israeliano ha influenzato la spesa per vietare le scommesse nei pool, ma ha anche lottato per compensare le carenze del turnover in corso, anch’esse diminuite del 7,7% a soli 10,7 milioni di euro.

“Se continuiamo a operare nel modo in cui è difficile, andrà avanti con un mercato così piccolo e competitivo che coinvolge bookmaker online e scambi”, ha dichiarato l’amministratore delegato dell’HRI Brian Kavanagh domenica.

L’Irish Tote, che è una consociata interamente di proprietà di HRI, è in funzione da quasi 90 anni e si è impegnata a reinvestire tutti i profitti nel settore dei cavalli in Irlanda.

È stato riferito che i risultati della revisione saranno presentati al consiglio dell’HRI nella prossima riunione del 16 dicembre, che si concentrerà sul futuro della borsa. Non è possibile apportare modifiche alla borsa fino a quando la licenza non sarà rinnovata nell’aprile del 2021.

“Abbiamo esaminato la borsa per un po ‘di tempo e il consiglio ci ha chiesto di riportare le opzioni a loro. Se guardi al mondo degli affari tote, in particolare nei paesi in cui non esiste il monopolio, l’attività sul campo sta soffrendo allo stesso modo in cui il bookmaker sul corso è di tendenza “, ha continuato Kavanagh.

“Sembra che si stia muovendo verso il consolidamento di borse, pool internazionali più grandi e cose del genere. Sono alcune delle opzioni che sono in esame. “

Kavanagh non ha confermato se la vendita potenziale del tote a terzi sarebbe per la sua totalità o per una percentuale, tuttavia ha sottolineato che la revisione in corso ha posto l’accento su una strategia a lungo termine piuttosto che guardare a negoziati specifici.

“[Cioè] anticipando le discussioni, ma tutte le opzioni sono state prese in considerazione. La tote non è specificamente di HRI da vendere. Funziona sulla base di una licenza rilasciata ogni sette anni dal governo e HRI ha la tecnologia, le persone e il prodotto di marca.

“Non voglio anticipare nulla, ma avresti accesso al capitale, accesso alla tecnologia, accesso ai mercati internazionali; tutte queste sono questioni che altre parti potrebbero portare al tavolo in modo più forte.

“Se guardi alla concorrenza globale, Tote Ireland è un elemento molto piccolo nel contesto di borse che operano in altri paesi”, ha detto Kavanagh.