Test di F1: Robert Kubica in vantaggio con l’Alfa Romeo

L’Alfa Romeo mostra tutta la sua velocità nel secondo e ultimo test invernale della F1.

Robert Kubica con la sua Alfa Romeo sorprende nella giornata di apertura dell’ultimo test pre-campionato di F1 – ma Max Verstappen arriva secondo con il tempo più veloce per Red Bull finora.

Kubica, che si è unito al team Alfa con un ruolo di riserva per il 2020 e ha registrato il giro più veloce dell’inverno finora durante la sua apparizione in mattinata. Il tempo di Pole 1: 16.942 è arrivato con una breve corsa di qualifica sulle gomme più veloci di Pirelli.

Verstappen è arrivato secondo, più veloce delle altre volte ma in ritardo, quattro decimi. Entrambe le Red Bull erano equipaggiate con pneumatici C3, che si trovano al centro della gamma di test della F1.

Ma la giornata della Red Bull è stata sospesa da problemi tecnici.

Un problema di sospensione ha limitato Alex Albon a 29 giri durante la mattinata prima che Verstappen finisse il pomeriggio con un testacoda.

La Mercedes invece, della prima settimana ha continuato a correre più a lungo – questa volta con 179 giri – ma ha terminato ulteriormente le schede del tempo concentrandosi su corse più lunghe con pneumatici più lenti.

Lewis Hamilton era settimo, a 0,6 secondi da Kubica sesto, nonostante l’utilizzo di pneumatici che fossero più duri. Valtteri Bottas ha pilotato la W11 nel pomeriggio finendo nono.

Il team gemello, Red Bull, AlphaTauri ha perso tempo in pista negli orari di apertura mentre ha lavorato per riparare il proprio AT01.

Dove sono le Ferrari?

Con il programma invernale abbreviato della F1, ora completo per due terzi, la Ferrari deve ancora finire tra i primi posti del timesheet.

La Scuderia ha ammesso che questo è in gran parte progettato dal momento che hanno messo in pratica le lezioni apprese dall’inverno scorso, quando stabilivano regolarmente il ritmo a Barcellona solo per iniziare la stagione molto indietro rispetto alla Mercedes.

Il primo piano di quest’anno è stato che il team si concentrasse sul chilometraggio e sulla correlazione dei dati di simulazione – con il Day One che ha dimostrato un successo su questo fronte, mentre Sebastian Vettel e Charles Leclerc hanno aggiunto 164 giri combinati all’SF1000.

La McLaren ha adottato un simile approccio low-key, finendo fuori dalla top 10 qui, ma rimane molto contenta del proprio lavoro pre-stagionale mentre preparano la MCL35 per Melbourne. La Renault ha anche dato la priorità ai giri a ritmo regolare, mentre Williams si è ripreso da un arresto del motore durante la mattinata di Nicholas Latifi in macchina per superare un secolo di giri.

Scheda dei test F1: test due, primo giorno

  1. Robert Kubica, Alfa Romeo, 1: 16.942, 53 giri, pneumatici C5
  2. Max Verstappen, Red Bull, 1: 17.347, 84 giri, pneumatici C3
  3. Sergio Perez, Racing Point, 1: 17.428, 84 giri, pneumatici C3
  4. Daniil Kvyat, AlphaTauri, 1: 17.456, 61 giri, pneumatici C3
  5. Pierre Gasly, AlphaTauri, 1: 17.540, 25 giri, pneumatici C4
  6. Alex Albon, Red Bull, 1: 17.550, 29 giri, pneumatici C2
  7. Lewis Hamilton, Mercedes, 1: 17.540, 89 giri, pneumatici C2
  8. Lance Stroll, Racing Point, 1: 17.787, 43 giri, pneumatici C3
  9. Valtteri Bottas, Mercedes, 1: 18.100, 90 giri, pneumatici C3
  10. Sebastian Vettel, Ferrari, 1: 18.113, 84 giri, pneumatici C3
  11. Daniel Ricciardo, Renault, 1: 18.214, 53 giri, pneumatici C2
  12. Carlos Sainz, McLaren, 1: 18.221, 46 giri, pneumatici C3
  13. Charles Leclerc, Ferrari, 1: 18.244, 80 giri, pneumatici C3
  14. Nicholas Latifi, Williams, 1: 18.300, 48 giri, pneumatici C4
  15. George Russell, Williams, 1: 18.535, 59 giri, pneumatici C3
  16. Romain Grosjean, Haas, 1: 18.670, 107 giri, pneumatici C3
  17. Lando Norris, McLaren, 1: 18.826, 57 giri, pneumatici C2