Platini fermato e interrogato per corruzione: “Totalmente estraneo ai fatti”

L’accusa riguarda l’assegnazione del Mondiale 2022 al Qatar: “Nessun arresto, ascoltato come testimone”. L’ex numero 1 dell’Uefa si trova nella gendarmeria di Nanterre

Clamoroso in Francia: Michel Platini è stato fermato dalla polizia transalpina per corruzione nell’assegnazione del Mondiale 2022 in Qatar. La notizia arriva dal sito francese Mediapart ed è stata poi rilanciata da tutti i media transalpini prima di trovare conferme anche da parte delle istituzioni. L’ex numero uno dell’Uefa si trova da stamattina (coi suoi legali) nei locali dell’Ufficio anticorruzione della polizia giudiziaria di Nanterre ed è attualmente sotto interrogatorio. Sotto interrogatorio anche Claude Gueant, che all’epoca dei fatti era segretario generale dell’Eliseo sotto la presidenza Sarkozy.

ESTRANEO Michel Platini “non ha assolutamente niente da rimproverarsi e afferma di essere totalmente estraneo ai fatti”. Lo riferisce un comunicato dei collaboratori dell’ex presidente dell’Uefa. “Non si tratta in alcun modo di un arresto ma viene ascoltato come testimone, in una condizione voluta dagli inquirenti che permette di evitare che le persone ascoltate possano accordarsi fuori dalla procedura”, precisa il comunicato diffuso dai media francesi.

LA DENUNCIA DI MICHEL  Solo pochi giorni fa Platini accusava: “Contro di me un complotto di Tas e Fifa. Ora si puniscano i colpevoli. Non è rimasta in piedi nessuna accusa di corruzione o altro. Ho idee su chi mi abbia colpito ma non ho prove”.

BLATTER  “Per me è una grandissima sorpresa, è una cosa di cui si era già parlato. Non so perché si torna all’improvviso su questa storia”, ha detto Sepp Blatter, ex presidente della Fifa, in un’intervista a L’Equipe parlando del ruolo determinante avuto dalla Francia nell’attribuzione dell’organizzazione dei mondiali 2022 al Qatar. FONTE:GAZZETTA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *