Studi universitari hanno esortato a rivedere le pratiche pubblicitarie dei bookmakers circa gli esport

I bookmaker del Regno Unito sono stati invitati a ripensare la loro strategia pubblicitaria per quanto riguarda la visualizzazione dell’inventario di marketing destinato agli eventi di eSport.

Un rapporto commissionato dal think-tank Demos interpartitico e dal Dipartimento di Management dell’Università di Bristol ha richiesto un maggiore utilizzo degli strumenti di verifica dell’età per impedire al pubblico di minori di interagire con contenuti relativi alle scommesse.

Gli autori del dettaglio di “Biddable Youth” descrivono che un pubblico di minori di 16 anni costituiva un quarto degli utenti online che hanno risposto ai post di Twitter promuovendo quote di scommesse sui tornei di eSport.

La ricerca ha analizzato oltre 888.000 tweet relativi alle scommesse nell’arco di nove mesi nel 2018 e ha rilevato che il 28% dei retweet o delle risposte ai tweet delle scommesse sugli eSport nel Regno Unito proveniva da minori di 16 anni.

Il rapporto sottolinea che i bambini del Regno Unito hanno “cinque volte” maggiori probabilità di interagire con i tweet relativi alle scommesse sugli sport rispetto ai tradizionali inventari delle scommesse sportive (5% del pubblico).

Ulteriori preoccupazioni del settore sorgono dal momento che i dettagli della ricerca indicano che il 74% dei tweet delle scommesse sugli eSport sembra non essere conforme alle normative pubblicitarie del Regno Unito, in relazione alla loro messaggistica e immagini.

Le condizioni violate comprendono “la presentazione delle scommesse come fonte di reddito”, “l’incoraggiamento del gioco d’azzardo in periodi non affidabili” e “l’uso di persone al di sotto dei 25 anni in una pubblicità di gioco”.

L’attuale codice pubblicitario della PAC nel Regno Unito afferma che la pubblicità dei bookmaker non deve fare appello a un pubblico di bambini o giovani attraverso la “cultura giovanile” che riflette o riflette, in particolare se sono generalmente disponibili per essere visualizzati da loro “.

Josh Smith, coautore del rapporto, ha dichiarato: “Questo rapporto esplora un nuovo campo vitale del gioco d’azzardo online, che incoraggia le persone a scommettere sull’esito dei videogiochi”.

“Abbiamo scoperto che vengono prodotti grandi volumi di messaggi per attirare in particolare i bambini, con migliaia di bambini nel Regno Unito che seguono e rispondono a questi contenuti.

“Speriamo che questo rapporto serva da invito all’azione – sia per le aziende tecnologiche che per facilitare ai clienti del gioco d’azzardo un quadro chiaro di ciò che stanno entrando, sia per i regolatori che devono continuare a garantire che questi nuovi attori siano conformi con regolamento “.

Lo scorso luglio, la pubblicazione dell’aggiornamento provvisorio del settore, della dipendenza da gioco d’azzardo e dell’assistenza benefica GambleAware ha messo in evidenza gli sport e il suo appello al pubblico più giovane come una preoccupazione crescente.

L’ente benefico ha affermato che l’industria deve rafforzare le disposizioni sulla verifica dell’età attraverso le piattaforme dei social media e investire in ulteriori disposizioni tecnologiche al fine di ridurre al minimo le interazioni tra i minori.

La commercializzazione dell’inventario degli eSport rischia di essere sottoposta a ulteriore esame, data la natura unica degli eventi degli eSports, che vedono i giovani atleti competere per premi multimilionari £ / $ / € in tutto il mondo, guardati dal pubblico giovane attraverso piattaforme non tradizionali.

Il mese scorso, l’americano Kyle Giersdorf, 16 anni, ha conquistato i titoli delle notizie dopo essere diventato “campione del mondo Fortnite”, vincendo $ 3,5 milioni in un torneo ospitato allo Arthur Ashe Stadium (New York) – un evento che ha attirato un pubblico globale equivalente al Superbowl della NFL.

La professoressa Agnes Nairn dell’Università di Bristol ha dichiarato: “Siamo rimasti davvero sorpresi dal numero di bambini impegnati attivamente con i conti di gioco d’azzardo sugli sport.

“Tuttavia, con l’enorme crescita nel settore degli eSports, a meno che non vengano intraprese azioni, possiamo solo aspettarci che questa cifra aumenti dato che sport e gioco d’azzardo sembrano essere indissolubilmente legati.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.