Premier League: top e flop della terza giornata

Sergio Aguero con il suo City, domina la classifica dei top di giornata. Deludono Gunnar Solskjaer e Mauricio Pochettino, tra i flop più incredibili.

CITY E AGUERO AFFAMATI

Sergio Aguero ha portato il suo bilancio a 400 gol in carriera nella vittoria per 3-1 del Manchester City sul Bournemouth, di cui 235 con la sua squadra attuale. L’argentino non è mai riuscito a far parte della squadra PFA dell’anno che riconosce i migliori 11 di Premier, ma con questo avvio di stagione, un posto è di certo garantito.

Kevin De Bruyne è di nuovo in forma e con David Silva formano una coppia devastante. Entrambi hanno servito un assist-gol a testa ad Aguero domenica.

Sono quattro i gol in tre partite per Aguero, aiutato dall’infortunio di Gabriel Jesus che di fatto gli ha riservato più spazio in campo.

DELUSIONE UNITED

La vittoria per 4-0 del Manchester United sul Chelsea aveva riportato l’ottimismo all’Old Trafford dopo annate di alti e bassi.

A tre giornate dal via, quell’ottimismo sembra svanito nuovamente, dopo la pesante sconfitta casalinga di sabato e il pareggio della seconda giornata. Lo United cha ha bisogno di qualcosa in più, lo richiedono i tifosi e lo dimostrano i risultati, ma Solskjaer non ha soluzioni.

Con Luke Shaw e Anthony Martial entrambi alle prese con lesioni muscolari, anche il tanto discusso regime di preparazione estiva sembra difettosa. La crisi non è mai troppo lontana da Manchester è la dirigenza inglese chiede di ritornare a vincere.

STOP ARSENAL

C’era stata una crescente eccitazione per le prospettive dei Gunners dopo aver vinto le prime due partite, ma la reazione della squadra ad Anfield ha aperto un dibattito sul futuro. Sono sulla strada giusta o ripetono gli stessi errori?

La decisione di Unai Emery di chiedere alla sua squadra di giocare la palla da dietro si è dimostrata un errore contro il Liverpool, probabilmente la migliore squadra in Europa.

Emery ha il merito di essere rimasto fedele ai suoi principi? Se il match fosse andato diversamente, avremmo indicato la strategia come un colpo da maestro di Emery. Invece, la sconfitta, ha scatenato la stampa che ha accusato il coach di ripetere gli errori del suo predecessore.

DISASTROSO TOTTENHAM

I segnali di allarme erano stati evidenziati per il Tottenham contro l’Aston Villa, ma i ragazzi di Pochettino l’avevano scampata. Il miracolo non si è ripetuto contro il Newcastle che ha meritatamente strappato i tre punti ai padroni di casa. Queste le parole di Pochettino al termine del match

“Non abbiamo creato. Avevamo il possesso, abbiamo dominato, ma non abbiamo creato abbastanza possibilità. Non abbiamo mai trovato la capacità di rompere la linea difensiva.”

Pochettino è chiaramente scontento del fatto che il mercato europeo si sia chiuso senza eccellenti innesti e che ciò possa chiaramente oscurare la prima parte di stagione degli Spurs.

GO GO CHELSEA!

Dal più vecchio allenatore della Premier League al più giovane, anche il boss del Chelsea Frank Lampard ha ottenuto la sua prima vittoria con una vittoria per 3-2 su Norwich a Carrow Road. La sua squadra ha dovuto prendere il comando del match per tre volte per assicurarsi i tre punti in palio nel grande pomeriggio di Tammy Abraham. Il giovane attaccante Blues, ha segnato due volte e ha ottenuto il riscatto dopo la finale di Supercoppa Europea.

Abraham è stato oggetto di molti commenti e analisi, da quando è diventato il centravanti del Chelsea. Questo periodo potrebbe essere un punto di svolta per lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *