Super Berardi manda in crisi Di Francesco: poker Sassuolo alla Samp

Tripletta dell’attaccante neroverde, a segno anche Traoré. Per i blucerchiati va in rete Quagliarella su rigore, espulso Vieira

Al Mapei Stadium Eusebio Di Francesco ha gettato le basi per una carriera da allenatore che l’avrebbe portato, nel giro di pochissimo tempo, a vivere una semifinale di Champions League con la Roma. Proprio in questo stadio cercava i primi punti sulla panchina della Samp, dopo la tripla scoppola rimediata contro la Lazio all’esordio in questa Serie A: invece il suo ritorno a Reggio Emilia si trasforma in un incubo. Finisce 4-1 per il Sassuolo di De Zerbi, che lascia quota zero trascinato da un super Berardi. Buio pesto per la Samp, che va alla sosta con mille dubbi tattici e soprattutto di personalità.

UN, DUE, TRE Juve-Napoli aveva messo tutti sull’attenti: in questo calcio di fine estate basta un attimo per ribaltare partite che sembrano pendere chiaramente da una parte. A guardare i primi venti minuti di Sassuolo-Samp i più in palla parrebbero i blucerchiati: Jankto, Quagliarella, Ekdal e poi Vieira testano i riflessi di Consigli. Basta un episodio, però, per cambiare l’inerzia del match: al 29’ Caputo fa una gran giocata sulla sinistra e mette al centro per Berardi, che brucia la difesa ligure e insacca l’1-0. Da lì la Samp, con Quagliarella sostenuto in attacco dal solo Ramirez (panchina per Gabbiadini e Caprari), non trova mai la forza di rialzarsi. E tra il 36’ e il 43’ incassa altri due gol dallo scatenato Berardi: prima Colley s’addormenta in mezzo all’area permettendo all’attaccante neroverde di sfruttare il cross di Duncan, poi il numero 25 trova il tris con un sinistro da fuori area, su cui Audero parte in ritardo.

ROSSO E NOTTE FONDA Il rosso diretto a Vieira per un inutile pestone a Peluso, un attimo prima dell’intervallo, certifica di fatto la fine del match. Di Francesco comincia il secondo tempo con Barreto al posto di Leris, ma in un attimo si ritrova sotto di quattro reti. Stavolta è Traoré a festeggiare: Muldur premia il suo taglio con un passaggio (deviato) e l’ivoriano fa poker. Il sussulto d’orgoglio blucerchiato si concretizza nel rigore di Quagliarella, fischiato per un contatto tra Duncan ed Ekdal. Ma poco cambia per questa Samp, che si ritrova sul fondo della classifica con la difesa più battuta del campionato. FONTE:GAZZETTA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *