Roland Garros: Federer e Nadal sul velluto, Tsitsipas soffre e passa

Primi match del secondo turno: lo svizzero vince in tre set con Otte, lo spagnolo passa con Maden. Al greco ne servono 4 con Dellien. Nishikori batte Tsonga. Donne: ritiro Bertens

Rafael Nadal ha festeggiato la 90esima partita disputata al Roland Garros con la vittoria su Yannick Maden (6-1 6-2 6-4 lo score) e la qualificazione al terzo turno. Un match semplice nella sostanza, leggermente più complicato nel punteggio e soprattutto nella durata (2 ore e 9 minuti). Avanti due set, Nadal si è distratto per due volte nel terzo set, consentendo al tedesco di recuperare due break di svantaggio: il primo sul 3-2 e il secondo sul 4-3. Al terzo turno il maiorchino è atteso da David Goffin che ha battuto per 6-2 6-4 6-3 il serbo Miomir Kecmanovic. Nadal è il quarto tennista della storia Open a toccare quota 90 partite in un torneo dello Slam: gli altri sono stati Jimmy Connors (115 all’US Open degli Stati Uniti e 102 a Wimbledon), Andre Agassi (98 all’US Open) e Roger Federer (111 in Australia, 107 a Wimbledon e 98 all’US Open).

ROGER IN CONTROLLO Tutto sotto controllo anche per Roger Federer che sul centrale ha steso in un’ora e 36 minuti il lucky loser tedesco Oscar Otte, finito al tappeto per 6-4 6-3 6-4. Lo svizzero ha operato 3 break nei momenti caldi di ogni set (sul 5-4 del primo, sul 4-3 del secondo e sul 4 pari del terzo), salvando a sua volte le 4 palle break offerte al tedesco (due sul 5-3 del primo set e due nel quarto gioco del terzo set). Federer è stato perfetto al servizio (5 ace, il 76% di prime con una realizzazione del 76%), 35 vincenti, 24 errori gratuiti e 23 punti in 31 discese a rete. Al terzo turno è atteso dal norvegese Casper Ruud che ha fatto fuori il nostro Berrettini. Svizzera a mille anche per la vittoria di Stanislas Wawrinka che in 100 minuti esatti ha disposto agevolmente del cileno Cristian Garin (6-1 6-4 6-0).

TSITSI SOFFRE Il primo big di giornata ad approdare al terzo turno del Roland Garros 2019 è il greco Stefanos Tsitispas, sesto favorito del seeding e in rotta di collisione di un ipotetico quarto di finale stellare con Roger Federer. Il campione greco è stato messo a dura prova da Hugo Dellien, il primo boliviano della storia a raggiungere il secondo turno al Roland Garros dai tempi di Mario Martinez (era il 1983), che lo ha tenuto in campo per 2 ore e 49 minuti fino al 4-6 6-0 6-3 7-5 conclusivo. Nonostante una storta rimediata alla caviglia sinistra nei primi game del match, Dellien ha colto di sorpresa Tsitsipas riempiendolo di palle corte e aggredendolo con il dritto lungolinea anomalo che ha trovato spesso impreparato il suo avversario. Il greco ha tenuto con le unghie i due interminabili game d’inizio match (10 punti il primo e 12 il secondo), poi la scena è passata nelle mani del boliviano che ha prima recuperato il break e poi piazzato lo strappo decisivo sul 5-4 andando a rete a trasformare il prezioso set point. A questo punto, accecato dalla rabbia, Tsitispas ha sciorinato il suo miglior tennis dominando la seconda frazione per 6-0 e allungando subito nel terzo per guadagnarsi quel break che poi è riuscito a gestire in tranquillità. Solo a questo punto c’è stata la reazione di Dellien che è partito avanti un break a inizio di quarto set. Ma Tsitispas però ha reagito da grande campione: ha mancato 3 match point consecutivi sul 5-4 (servizio Dellian), ma ha chiuso con un passante vincente di dritto al quarto match point per il definitivo 7-5. Ora Tsitsipas aspetta al terzo turno il vincente della sfida tra lo spagnolo Roberti Carballes Baena e il serbo Filip Krajinovic.

NISHIKORI OK  Un Jo-Wilfried Tsonga lontano anni luce dalla miglior condizione possibile, si è dovuto arrendere sul centrale a Kei Nishikori che dopo una partenza lenta ha infilato il pilota automatico regolando con un triplice 6-4 (4-6 6-4 6-4 6-4 lo score per il giapponese maturato in 3 ore e 2 minuti). Francia in lacrime anche per la sconfitta di Kristina Mladenovic cha ha raccolto appena 3 game contro la croata Petra Matric. Prosegue anche la marcia di Karolina Pliskova, in lotta per la prima posizione mondiale; la ceca ha infiltto un pesante doppio 6-2 alla qualificata slovacca Kristina Kucova.

CILIC FUORI  Fuori anche Marin Cilic che sta vivendo una stagione particolarmente difficile. Il croato è stato superato in 5 set dal bulgaro Grigor Dimitrov, tornato in giornata di grazia dopo un periodo non felice (6-7 6-4 4-6 7-6 6-3 lo score finale). E’ stata una maratona interminabile di 4 ore e 23 minuti in cui Dimitrov ha giocato complessivamente meglio, soprattutto dalla fase finale del quarto set fino alla conclusione: il bulgaro è stato esemplare nel tie break del quarto set, chiuso per 7-2 dopo essere stato avanti 5-1 e poi ha immediatamente fatto il break a inizio di quinto salendo sul 2-0. Sul 5-3 Dimitrov, con il servizio a disposizione, ha mancato i primi 2 match, ma sul 5-3 (con Cilic al servizio) ne ha avuto altri due chiudendo alla quarta occasione dopo l’ultimo errore di Cilic. Dimitrov ha chiuso con 60 vincenti, 45 errori gratuiti e 179 punti complessivi, per Cilic 58 vincenti, 58 gratuiti e 177 punti complessivi.

Uomini. 2° turno: Tsitsipas (Gre) b. Dellien (Bol) 4-6 6-0 6-3 7-5; Mahut (Fra) b. Kohlschreiber (Ger) 6-3 6-3 6-3; Nishikori (Giap) b. Tsonga (Fra) 4-6 6-4 6-4 6-4; Djere (Ser) b. Popyrin (Aus) 6-4 7-6(4) 6-4; Londero (Arg) b. Gasquet (Fra) 6-2 3-6 6-3 6-4; Moutet (Fra) b. Pella (Arg) 6-3 6-1 2-6 7-5; Goffin (Bel) b. Kecmanovic (Ser) 6-2 6-4 6-3; Nadal (Spa) b. Maden (Ger) 6-1 6-2 6-4; Wawrinka (Svi) b. Garin (Cile) 6-1 6-4 6-0; Ruud (Nor) b. Berrettini 6-4 7-5 6-3; Federer (Svi) b. Otte (Ger) 6-4 6-3 6-4; Carreno Busta (Spa) b. De Minaur (Aus) 6-3 6-1 6-1; Paire (Fra) b. Herbert (Fra) 6-2 6-2 5-7 6-7(6) 11-9; Dimitrov (Bul) b. Cilic (Cro) 6-7(3) 6-4 4-6 7-6(2) 6-3.

DONNE  Nel femminile Kiki Bertens esce di scena al secondo turno. La tennista olandese, testa di serie numero 4, si è ritirata per via di un virus intestinale sul 3-1 in favore della slovacca Viktoria Kuzmova, che si qualifica così per il terzo turno. Avanti Sloane Stephens, finalista lo scorso anno, che ha superato per 6-1 7-6 la spagnola Saro Sombes Tormo. Dopo aver tenuto agevolmente il primo set ed essere volata avanti 3-0 al secondo, l’americana ha perso tre turni di battuta di fila mandando la sua rivale a servire per il set una prima volta sul 5-4 e poi ancora sul 6-5. Solo a questo punto è arrivata la reazione della Stephens che si è arrampicata con autorità al tie break chiudendo di forza per 7 punti a 3. Passa al terzo turno anche la spagnola Garbine Muguruza, campionessa qui nel 2016. L’ispano-venezuelana ha lasciato cinque giochi alla svedese Johanna Larsson piegata per 6-4 6-1 in 64 minuti di gioco. Avanti senza giocare anche Elina Svilotina che ha approfittato del problema virale che ha colpito la connazionale Kateryna Kozlova.

Donne. 2° turno: Stephens (Usa) b. Sorribes Tormo (Spa) 6-1 7-6 (3); Hercog (Slo) b. Brady (Usa) 6-3 6-7(8) 6-4; Muguruza (Spa) b. Larsson (Sve) 6-4 6-1; Svitolina (Ucr) b. Kozlova (Ucr) forfeit; Vondrousova (R.Cec) b. Potapova (Rus) 6-4 6-0; Navarro (Spa) b. Rogers (Usa) 6-1 6-7(4) 6-3; Mertens (Bel) b. Parry (Fra) 6-1 6-3; Sevastova (Let) b. Minella (Lus) 6-2 6-4; Kudermetova (Rus) b. Diyas (Kaz) 7-5 6-1; Kanepi (Est) b. Shuai Zhang (Cina) 6-7(4) 6-0 7-5; Martic (Cro) b. Mladenovic (Fra) 6-2 6-1; Pliskova (R.Cec) b. Kucova (Slk) 6-2 6-2; Kuzmova (Slk) b. Bertens (Ola) 3-1 rit. ; Vekic (Cro) b. Peterson (Sve) 1-6 6-1 6-2; Konta (Gb) b. Davis (Usa) 6-3 1-6 6-3. FONTE:GAZZETTA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *