Federer travolge Ruud. Nadal lascia un set a Goffin

Lo svizzero regola in 3 set il Next Gen norvegese, Rafa batte il belga. Nishikori ok al 5° con Djere. In campo anche Tsitsipas contro il serbo Krajinovic e Wawrinka con Dimitrov

Roger Federer soffre sotto il sole di Parigi (27° gradi contro il 20° di ieri) ma vince comunque in tre set il suo terzo turno contro il norvegese Casper Ruud: 6-3 6-1 7-6 per lo svizzero che chiude la sua fatica in 2 ore e 11 minuti al quarto match point utile dopo aver salvato un pericoloso set point. La sfida contro Ruud, che non era ancora nato quando nel luglio del 1998 Roger Federer debuttò nel torneo Atp di Gstaad, va via liscia per la prima ora di gioco. L’equilibrio regge sei game, poi nel settimo Federer arriva alla prima palla break dell’incontro che trasforma con una rovescio bloccato lungolinea. Lo svizzero salva con il servizio la palla del contro break e con una serie i 9 giochi di fila si porta avanti 6-3 5-0. Archiviato anche il secondo set, Federer si distrae a inizio del terzo e va sotto un break. Sul 2-0 per Ruud lo svizzero torna a comandare gli scambi, piazza il contro break e recupera immediatamente per il 2 pari. Federer accusa il sole e non è più lucido come a inizio gara: sul 3 pari manda due occasioni per fare il break e nel game successivo con un ace è lui a cancellare la palla che manderebbe Ruud a servire per il set avanti 5-3. L’epilogo al tie break con Federer che sfodera un passantone di dritto per il primo mini break (3-1) che però non tiene quando mette in corridoio un dritto senza nessuna pretesa. Lo svizzero arriva comunque al doppio set point, ma sul 6-4 prima sbaglia un rovescio e poi viene preso in contropiede da Ruud. Il norvegese arriva al set point sul 7-6 che Federer annulla con un pregevole serve and volley. Federer fa in tempo ancora a mangiarsi il tero set point sull’8-7 prima di chiudere sul 10-8 dopo il doppio fallo di Ruud e il dritto vincente con cui Federer sigilla la 400esima partita negli Slam. Federer attende agli ottavi Leonardo Mayer che ha posto fine alla carriera di Nicolas Mahut battendolo per 3-6 7-6 6-4 7-6. Mahut è uscito dal campo in lacrime, sotto la standing ovation del pubblico, a fianco al figlioletto che a fine match era corso in campo ad abbracciarlo.

RAFA TREMA Nel giorno del decennale dalla storica sconfitta di Rafael Nadal contro Robin Soderling agli ottavi di finale di Parigi 2009, l’undici volte campione del Roland Garros è approdato a fatica al terzo turno lasciando per strada un set al belga David Goffin, superato in 2 ore 49 minuti per 6-1 6-3 4-6 6-3. Due set senza storia per un Nadal perfetto, sempre in spinta, rapido a girarsi sul dritto e micidiale anche sul rovescio. Poi nel terzo set il calo: i tre break point mancati per fare il vuoto a inizio set, e il break subito dal maiorchino proprio sul 4 pari in un momento di puro appannamento. Tutto però è ritornato come il copione originale nel quarto game del quarto set con il break che ha spianato la strada all’89esima vittoria di Nadal al Roland Garros su 91 partite disputate. Agli ottavi lo spagnolo è atteso dall’argentino Juan Ignacio Londero che ha battuto 6-4 al quinto il francese Corentin Moutet.

POUILLE SALUTA Due gli incontri sospesi per l’oscurità: sul Philippe Chatrier il greco Stefanos Tsitsipas è avanti 2 set contro il serbo Filip Krajinovic (7-5 6-3) e 5 pari al terzo dopo che Krajinovic, sempre nel terzo, ha mancato 2 set point sul 5-2 e servito invano per il set sul 5-3. Sul campo 1 elettrizzante incontro tra Stanislas Wawrinka e Grigor Dimitrov: il buio ha fermato la contesa con Wawrinka avanti per 2 tie break a zero: 7-6 7-6. Lo svizzero ha salvato un set point sul 5-4 prima di aggiudicarsi il tie break del primo set per 7 punti a 5. Nel secondo, senza break, Wawrinka ha riconquistato ancora il tie break per 7 punti 4 dopo 2 ore e 6 minuti di battaglia. In precedenza lo slovacco Martin Klizan aveva estromesso dal torneo il francese Lucas Pouille, testa di serie numero 22 e semifinalista nel gennaio scorso all’Open d’Australia (7-6 2-6 6-3 3-6 9-7 in 4 ore e 7 minuti). Il match, che era stato sospeso ieri con Klizan avanti 2 set 1 e 3-1 al quarto, è ripreso oggi su un Philippe Chatrier completamente a sostegno del transalpino. Il francese ha avuto una partenza a razzo e con un parziale di 5 giochi a zero ha allungato la partita al quinto. Sullo slancio Pouille è arrivato sul 5-4 a servire per il match, ma si è fatto brekkare a 15 da un Klizan che ritrovava magicamente le linee perimetrali con campo con precisione e profondità. A quel punto Pouille ha servito per due volte per rimanere nel match, e alla terza occasione è capitolato cedendo la battuta a 30 dopo aver salvato un match point. Klizan affronterà domani al terzo turno il russo Karen Khachanov.

KEI MARATONETA   Maratona interminabile di 4 ore e 26 minuti (il secondo match più lungo di questa edizione del Roland Garros) tra Kei Nishikori e Laslo Djere e vittoria per 8-6 al quinto del giapponese. Nishikori ha vinto il primo set dopo essere stato sotto di un break (3-2 e servizio per Djere), ha perso il secondo dopo essere stato avanti 4-1 e aver sprecato 3 palle consecutive per il 5-2, ma soprattutto ha trionfato al quinto dopo essere andato sotto nell’ultimo set prima per 3-0 e poi per 4-2. Solo a questo punto ha fatto appello a tutta la sua forza recuperando un match già abbondantemente compromesso con coraggio e forza d’animo. Ripreso l’avversario, Nishikori ha piazzato la stoccata vincente nel 14° game del quinto set con il break conclusivo maturato per l’8-6 finale (6-4 6-7 6-3 4-6 8-6 lo score). Agli ottavi Nishikori troverà Benoit Paire che ha avuto via libera del ritiro di Pablo Carreno Busta, costretto alla resa sul 6-2 4-6 7-6 per il francese per un problema al piede.

Risultati, 3° turno: prosecuzione 2° turno Klizan (Slk) b. Pouille (Fra) 7-6 (4) 2-6 6-3 3-6 9-7; Paire (Fra) b. Carreno-Busta (Spa) 6-2 4-6 7-6 (1) ritiro; Federer (Svi) b. Ruud (Nor) 6-3 6-1 7-6 (8); Nishikori (Jap) b. Djere (Ser) 6-4 6-7 (6) 6-3 4-6 8-6; Mayer (Arg) b. Mahut (Fra) 3-6 7-6 (3) 6-4 7-6 (3); Londero (Arg) b. Moutet (Fra) 2-6 6-3 6-4 5-7 6-4; Nadal (Spa) b. Goffin (Bel) 6-1 6-3 4-6 6-3. FONTE:GAZZETTA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *