Andata playout di B: la Salernitana scappa, il Venezia torna in corsa nel recupero

Doppio vantaggio dei campani nel primo tempo con le reti di Djuric e Jallow. Ripresa con la squadra di Cosmi molto più attiva e nel finale Zigoni riapre il discorso salvezza. Ritorno domenica al Penzo

Dopo infinite polemiche, i playout scattano. L’andata tra Salernitana e Venezia (squadre finite a pari punti a quota 38 in campionato: lagunari davanti al 15° posto grazie agli scontri diretti) regala ai granata un 2-1 che consente alla squadra di Menichini di affrontare il ritorno di domenica con ottimismo. Sin dall’inizio i campani (schierati inizialmente col 4-3-3 come gli avversari) prendono campo, facendosi vedere con una certa frequenza dalle parti di Vicario. L’Arechi balza in piedi al 14’: cross di Lopez dalla sinistra e stacco perfetto di testa di Djuric tra due difensori del Venezia con la palla che si infila alle spalle di un incolpevole Vicario.

IL RADDOPPIO Il vantaggio esalta la Salernitana che dopo un po’ trova il raddoppio: al 25’ ci pensa con un grande destro Jallow che riceve in area l’assist di Djuric di testa su fallo laterale di Lopez, e gira di controbalzo dopo il controllo di petto. Conclusione violentissima che sorprende Vicario sul primo palo. Gli uomini di Cosmi cercano la reazione, reclamano un rigore al 35’ per un mani evidente di Mantovani non sanzionato (l’arbitro non ha ricevuto chiamate dalla sala Var) e si rendono pericolosi al 41’ con Lombardi che riceve sul centro sinistra calciando dal limite. Micai para, quindi Migliorini anticipa Bocalon ed evita guai.

RIPRESA VENEZIANA   La ripresa vede il Venezia più attivo: un tiro di Pinato (62’) da lontano viene deviato finendo largo di poco alla sinistra di Micai, al 75’ Lombardi di testa su angolo di Pinato dalla sinistra impensierisce Micai che vede la palla rimbalzare a terra ed uscire sopra la traversa, al 77’ un destro di Pinato va fuori di poco, mentre all’80’ Modolo tutto solo di testa manda incredibilmente alto. Ma il gol del 2-1 arriva nel primo dei sei minuti di recupero con Zigoni che di testa infila alle spalle di Micai che poi al 96’ evita il 2-2 con una gran parata su colpo di testa di Rossi. Nel ritorno non si porta in dote il gol in trasferta, per cui ora il Venezia per salvarsi dovrà vincere con due reti di scarto, con una si andrà ai supplementari. FONTE:GAZZETTA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.