Roland Garros, finale donne: Barty-Vondrousova 6-1 6-3

L’australiana domina in poco più di un’ora l’avversaria in una sfida senza storia. La giovane ceca paga la miriade di errori a inizio match e non riesce più a risalire la corrente

Il Roland Garros ha una nuova regina, si chiama Ashleigh Barty, è australiana, ha impiegato appena 70 minuti per impossessarsi della Coppa Suzanne Lenglen superando in finale, con un punteggio molto netto (6-1 6-3), la ceca Marketa Vondrousova. Un match senza storia tra una giocatrice completa, la Barty, che interpreta il tennis a tutto campo, e una, la Vondrousova, che invece predilige ancorarsi a fondo campo e comandare gli scambi con lunghe leve e un tennis più lineare e potente. Ashleigh Barty, alta o meglio bassa appena un metro e 66, ha imperversato come una trottola, tirando fuori dal cilindro, ace, serve and volley, palle corte, pregevoli stop volley e fluidi attacchi in controtempo. Il 4-0 iniziale maturato in 20 minuti, senza mai concedere alla rivale una palla game, si trasforma prestissimo in un 6-1 2-0 che lascia poche speranze alla ceca.

BABY FINALE E’ la più giovane finale Slam dal 2008 (da quando la ventenne Ana Ivanovic superò l’allora 22enne Dinara Safin proprio qui a Parigi), finisce pochi minuti dopo quando la Barty chiude con uno smash una finale senza pathos, ma sostanzialmente giocata bene. Ashleigh Barty è nata appena fuori Brisbane, nel Queensland, a 630 km a sud di Rockhampton, la città natale di un certo Rod Laver. E’ la prima australiana a vincere uno Slam da Samantha Stosur che vinse l’Open degli Stati Uniti del 2011 in finale su Serena Williams e la prima australiana a rivincere Parigi dopo Margaret Court Smith, prima qui nel 1973 quando piegò in finale la futura regina Chris Evert.

NUMERO 2  Da lunedì Ashleigh Barty sarà numero 2 del mondo, appena dietro Naomi Osaka. Sarà la prima australiana così in alto nel ranking dai tempi di Evonne Goolagong che fu numero 2 nel ranking del 6 dicembre 1976. La Vondrousova invece si assesterà tra le prime 20 del mondo al numero 16. Ashleigh Barty è la 51esima giocatrice dell’Era Open a vincere un titolo dello Slam, la nona differente campionessa negli ultimi 10 Slam (l’unca a vincerne 2 è stata Naomi Osaka, prima a Flsuhing Meadows 2018 e Australian Open 2019). FONTE:GAZZETTA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *