BBC Panorama segnala un aumento dei reclami nei confronti dei bookmaker britannici

Secondo un documentario della BBC Panorama in onda questa sera, le statistiche della UK Gambling Commission hanno riportato un aumento del 5.000 per cento del numero di denunce fatte ai bookmaker britannici negli ultimi cinque anni.

L’indagine Panorama, Addicted to Gambling, sarà ospitata da Bronagh Munro e sarà trasmessa alle 20.30 su BBC1 lunedì 12 agosto 2019.

Le cifre del Regno Unito hanno mostrato 8.266 denunce all’autorità di regolamentazione del settore nel 2018, una cifra significativamente superiore alle 169 denunce presentate nel 2013.

Citando “una serie di ragioni complesse” come una spiegazione per l’ascesa, il direttore generale del UKGC Neil McArthur ha spiegato: “Stiamo spingendo l’industria a conoscere i suoi clienti, e parte di questo è in realtà, forse, un buon segno perché è suggerendo che i consumatori chiedono più operatori di gioco. E li incoraggio a continuare a farlo. “

Nel documentario, McArthur affronta alcune delle complessità associate definendo il problema del gioco d’azzardo come un problema di salute mentale, nonché alcune delle sfide poste dalla regolamentazione del settore.

Storie collegate a comportamenti di gioco d’azzardo problematici, come quella di Daniel Clinkscales, saranno affrontate nella trasmissione in cui la madre di Clinkscales, Jo Holloway, invita i leader del settore a sostenere l’onere della responsabilità nell’affrontare il gioco d’azzardo compulsivo dovrebbe incombere sul settore.

L’industria del gioco d’azzardo ha cercato di affrontare le preoccupazioni relative alla responsabilità sociale, tuttavia, a seguito del lancio di nuove iniziative. Questi hanno incluso un divieto volontario a livello di settore della pubblicità sportiva per trasmissioni pre-spartiacque, un aumento dei “contributi volontari all’1% delle entrate del rendimento lordo dei giochi”.

L’industria ha continuato a crescere rapidamente in seguito alle restrizioni allentate dal governo sulle scommesse e sulla pubblicità nel 2007.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.