Gambling Africa: SportPesa ferma le sponsorizzazioni e innesca la crisi del calcio keniota

Il calcio keniota si vede implicato nella crescente disputa fiscale tra il governo Uhuru Kenyatta e l’industria delle scommesse, in quanto SportPesa, lo sponsor principale della Premier League keniota (KPL), conferma di aver posto fine a tutte le sponsorizzazioni sportive nazionali.

SportPesa, lo scorso venerdì, ha rilasciato un comunicato, confermando di aver ritirato tutte le sponsorizzazioni sportive, poiché “sottoposto a misure punitive dai regolatori”.

La dichiarazione del bookmaker, ha innescato una crisi immediata nel calcio keniota a tre settimane dall’inizio della una nuova stagione calcistica.

Il direttore generale della KPL, Jack Oguda ha rilasciato una dichiarazione, specificando che il governo della lega non era sicuro se potesse garantire il calcio d’inizio senza sponsor.

“Avevamo già programmato di dare il via alla stagione il 31 agosto, ma ora dovremo convocare un incontro, forse all’inizio della prossima settimana per discutere del futuro. Sono sicuro che non sarà possibile iniziare la stagione senza uno sponsor, “Oguda ha detto ai media nazionali

“Siamo passati quei giorni in cui eravamo soliti realizzare il campionato senza uno sponsor, è molto difficile farlo adesso e la prossima mossa sarà decisa dai club.”

SportPesa rappresenta il principale bookmaker del Kenya, la decisione di bloccare le sponsorizzazioni, giunge come contestazione al governo Kenyatta.

Nel 2018, la governance di SportPesa ha ritirato le sponsorizzazioni keniote che protestavano contro una tassa generale “non realizzabile” del 35% su tutte le forme di gioco d’azzardo.

La protesta del bookmaker del 2018 contro il regime fiscale sarebbe sostenuta dalle parti interessate della KPL, con la leadership della squadra di calcio che afferma che il finanziamento della sponsorizzazione di SportPesa era necessario per sostenere tutti i livelli del calcio professionistico keniota.

Al momento, SportPesa si trova al centro di una disputa fiscale riveduta con la Kenya Revenue Authority (KRA), che chiede un risarcimento di 14 miliardi di KSH (€ 125 milioni) in relazione alle tasse non pagate sulle vincite dei giocatori.

A seguito di una disputa di quattro anni, il governo di Kenyatta ha coinvolto tutti i dipartimenti governativi, oltre alle parti interessate nazionali delle imprese nell’implementare severe restrizioni operative contro gli operatori di scommesse

Un frenetico luglio, ha visto il governo ritirare i rinnovi delle licenze di tredici operatori, con il Kenya Betting Control & Licensing Board (KCLB) che impone che gli operatori bancari e delle telecomunicazioni del Kenya terminino tutte le disposizioni sull’elaborazione dei pagamenti per il settore delle scommesse.

Nella sua dichiarazione di venerdì, SportPesa mantiene la sua posizione secondo cui la KCLB ha agito illegalmente nella sua applicazione contro i suoi affari, indicando “l’esistenza di un ordine del tribunale che proibisce all’autorità di regolamentazione di intraprendere tali azioni”.

La governance di SportPesa aggiunge che “rimane positivo” che la sua controversia possa essere risolta “amichevolmente e con urgenza” con il governo, che non ha ancora offerto alcuna dichiarazione sulle sue restrizioni del settore e sul suo impatto sul vasto finanziamento sportivo keniota.

Fonte: SBC News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.