Nba risultati: Boston troppo per Indiana, Gallinari battuto dai Lakers

I Celtics sbancano casa Pacers grazie a super Hayward. Gallo firma 27 punti ma i Clippers cedono ai Lakers. Belinelli infortunato guarda i suoi Spurs vincere a Washington

Vittoria importante per Boston in chiave playoff: il successo a casa Indiana vale il vantaggio del campo nella sempre più probabile serie Celtics-Pacers al primo turno. Nella notte italiana, Danilo Gallinari infila 27 punti ma i suoi Clippers cedono a sorpresa ai Lakers. Marco Belinelli, fermo per infortunio, guarda i suoi Spurs passare senza problemi a Washington.

Indiana Pacers-Boston Celtics 97-117 Si rivedranno presto, tra una settimana. E Boston avrà il vantaggio del campo. Sbancando Indianapolis, i Celtics (48 vinte-32 perse) mettono le mani sul quarto posto a Est e sul diritto di giocare più partite in casa nella serie del primo turno playoff contro i Pacers (47-33), quinti nella conference. Non c’è stata partita alla Bankers Life Fieldhouse nel secondo incrocio in meno di una settimana: Boston ha più talento e si vede, soprattutto quando gioca di squadra (27 assist e 6 giocatori in doppia cifra) come ha fatto contro i prossimi avversari.

Nella sua città natale, Gordon Hayward ha giocato di nuovo da All Star, com’era a Utah prima del terribile infortunio dell’ottobre 2017: 21 punti con 9/9 dal campo, la sensazione netta che stia crescendo a tal punto da poter essere l’X-Factor nella corsa playoff della squadra di Stevens, considerata da molti nonostante una stagione da montagne russe ancora la squadra più forte dell’Est.

“Mi sento bene, ultimamente sto attaccando più il ferro perché le mie caviglie si sentono meglio e sono più esplosive”. Hayward, alla settima gara di fila in doppia cifra, è stata la ciliegina sulla torta di una squadra completa, illuminata dalle giocate impossibili di Kyrie Irving (17 punti e 6 assist) e con Jayson Tatum (22 punti e 7 rimbalzi) tornato ad assomigliare a quello che incantò alla postseason lo scorso anno. Indiana è uscita dal match troppo presto, bloccata in una serata col 41,3% dal tiro dalla difesa dei Celtics, che ha tenuto ad appena 4 punti con 1/8 dal campo il pericolo pubblico numero 1 Bojan Bogdanovic. Senza quello che dopo l’infortunio di Victor Oladipo è diventato il loro primo violino, i Pacers non sono riusciti ad essere continui in attacco, chiudendo sì con 7 giocatori in doppia cifra ma non riuscendo a far mai veramente male ai Celtics. “Per noi è una vittoria importante e abbiamo difeso bene, ma sappiamo che ai playoff loro giocheranno molto meglio di così e la difesa sarà fondamentale” ha anticipato Hayward.

LA PARTITA – I Celtics si prendono la loro terza vittoria di fila, quinta nelle ultime sei partite, accelerando nel secondo quarto dopo un frizzante primo periodo, trascinati da 11 punti di Tatum e 10 di Hayward ad un parziale di 17-4 che l’ex Utah (ma anche ex Butler, università di Indianapolis) chiude sul 52-40 a 2’53” dal riposo.

Boston inizia la ripresa avanti 58-47, allarga il divario fino a 18 punti nel terzo periodo con Hayward di nuovo protagonista, poi chiude di fatto i conti quando Wanamaker firma il 105-80 con 7’48” da giocare.

Indiana: Turner 15 (3/6 da due, 2/2 da tre, 3/4 tiri liberi), Sabonis 12, Evans 12. Rimbalzi: Turner 7, Evans 7. Assist: Joseph 8.

Boston: Tatum 22 (8/14, 1/5, 3/4 tl), Hayward 21, Irving 17. Rimbalzi: Baynes 11. Assist: Irving 6.Los Angeles Clippers-Los Angeles Lakers 117-122

Brutto scivolone nel derby di Los Angeles per i Clippers che si fanno superare dai Lakers e, dopo aver covato, fino a una settimana fa, sogni di quinta posizione, ora rischiano di retrocedere in ottava, il che significherebbe la sfida al primo turno con i campioni in carica di Golden State. Il calendario ora vede i Clips chiudere la regular season con due sfide complicate, a Oakland domenica contro i Warriors per finire mercoledì allo Staples contro Utah.

Vincere almeno una delle due gare diventa ora fondamentale per evitare l’incrocio con Curry e compagni. Ci si aspettava una risposta da parte della truppa di Doc Rivers dopo la pesante sconfitta rimediata contro Houston, invece nel derby va in scena l’Alex Caruso Show. Non bastano i 27 punti e otto assist di Danilo Gallinari, l’ex giocatore di Texas A&M, il quale ha passato buona parte della stagione nella G-League, griffa una prestazione da cinema (32 punti, 10 rimbalzi e cinque assist) e regala finalmente una soddisfazione ai tifosi dei Lakers abbonati alle delusioni in questo disgraziato campionato.

I Clippers sembrano poter sbrigare la pratica Lakers senza grandi sussulti quando, avanti di 12 punti nel terzo quarto, abbassano pericolosamente il livello di intensità e vengono puniti. Prima Rondo avvicina i Lakers poi ci pensa un super Caruso a fare la differenza nella frazione finale. La squadra di Luke Walton diventa infallibile dalla lunga distanza nel quarto periodo e Alex Caruso si mette a fare il bello e il cattivo tempo, strappando applausi a scena aperta e facendo esaltare LeBron in panchina in abiti civili. Il parziale di 9-0, chiuso dalla tripla del solito Caruso, mette i Clippers con le spalle al muro e regala ai Lakers il +9 a 3’46’’ dalla sirena. Gallo e compagni non si arrendono e tornano in scia arrivando al -3 con la tripla dell’azzurro a 45’’ dalla fine, ma nel possesso successivo arriva la splendida penetrazione di Alex Caruso che riporta i Lakers a distanza di sicurezza. I liberi di Caldwell-Pope poi chiudono ogni discorso.

LA Clippers: GALLINARI 27 (5/12, 3/6, 8/9 tl) con 6 rimbalzi, 8 assist, 3 recuperi, 2 stoppate, 3 turnover in 32’54’’. Gilgeous-Alexander 20 (10/15, 0/4), Williams 18, Temple 16. Rimbalzi: Harrell 8, Gilgeous-Alexander 8. Assist: Williams 8.

LA Lakers: Caruso 32 (5/12, 5/7, 7/7 tl), Caldwell-Pope 25, McGee 18. Rimbalzi: McGee 10, Caruso 10, Jones 10. Assist: Rondo 12.Washington Wizards-San Antonio Spurs 112-129Gli Spurs piazzano un’accelerata decisa nel secondo quarto, chiudono un primo tempo eccellente avanti 77-58, dopo aver tirato con un surreale 67% dal campo, e non si guardano più indietro andando a vincere in scioltezza nella Capitale.

San Antonio mette otto giocatori a referto in doppia cifra, con Aldridge a guidare il gruppo con 24 punti. Salta la gara di Washington Marco Belinelli precauzionalmente a riposo per un affaticamento muscolare alla zona inguinale (anche se il bollettino medico degli Spurs parla di un problema all’anca). Beli peraltro è influenzato, ma potrebbe tornare a disposizione già domenica a Cleveland.

Washington: Beal 25 (7/13, 2/6, 5/6 tl), Bryant 19, Portis 16. Rimbalzi: Portis 9. Assist: Beal 5. San Antonio: Aldridge 24 (10/17, 4/5 tl), Gay 18, Forbes 17, Mills 17. Rimbalzi: Poeltl 7, Aldridge 7. Assist: White 8. FONTE:GAZZETTA.it


.Copyright © The betting coach


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.