Basket, Virtus Bologna in finale di Champions League

La squadra di Djordjevic travolge 67-50 il Bamberg: Punter mattatore con 21 punti. Domenica alle 18 sfida con Tenerife per la coppa

La Virtus Bologna è in finale di Champions League ad Anversa (Belgio). La netta vittoria, 67-50, sul temuto Bamberg è un trionfo della difesa mentre in attacco porta la firma di Kevin Punter, mvp e mattatore con 21 punti. A contendere la coppa alla squadra di Djordjevic, domenica alle 18, sarà Tenerife, che nell’altra semifinale ha liquidato Anversa 70-54.

LA PARTITA — La Virtus aggredisce subito la partita quasi per togliersi di dosso la pressione. Punter, già vincitore di questa coppa l’anno passato, spinge un veloce 10-4. Il Bamberg si mette nelle mani del suo play Rice per ricavare i primi punti ma l’attacco tedesco sbaglia molto, buttando diversi rigori da sotto. Coach Djordjevic ruota 11 giocatori nel primo quarto per tenere alta la difesa mentre Kravic in attacco colpisce in post basso. Così la V nera può allungare sul 22-11 alla prima sirena e nel secondo quarto riprende la sua distribuzione di minuti e possessi. Aradori in contropiede firma il +14 prima di commettere un fallo antisportivo che concede tregua al Bamberg, tenuto a galla da due triple di Rice. Ma Bologna non si ferma, Punter da tre scrive il +17 (42-25) che sulla pausa viene mitigato da un 2+1 di Rubit. Dopo 20’ la Virtus vince nettamente il duello al tiro (48.5% contro il misero 28.6% tedesco) e a rimbalzo (24-18). Nel terzo quarto Bologna sembra dominare il campo, tocca due volte il +20 (48-28, 53-33) ma poi si complica la vita sbagliando almeno tre facili appoggi da un metro, dall’altra parte Rice prova a rianimare il Bamberg con un’altra tripla. Al 30’ è ancora +14 (53-39) Virtus. Punter con un altro siluro dei suoi riaccende il fuoco virtussino che con l’ultima fiammata della guardia del Bronx brucia le ultime speranze della squadra tedesca: al 33’25” è 63-39. Game over. 
V.Bologna: Punter 21, M’Baye 9, Kravic 8 
Bamberg: Rice 21, Harris 9, Rubit 5

L’ALTRA SFIDA — La seconda finalista è il Tenerife che ha superato 70-54 i padroni di casa dell’Anversa, davanti ai 18mila spettatori dello Sporpaleis. Mvp della partita l’ala italo-aregentina Nicholas Brussino, un passato breve nella Nba, che con le sue triple ha scavato la differenza nell’ultimo quarto. 
Anversa: Kalinovski 13, Tate 13, Bako 7 
Tenerife: Brussino 17, Beiran 14, Gillet 11 FONTE:GAZZETTA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.