Venezia alza i suoi Watt e sbanca Cremona in gara-1 di semifinale

Monumentale il pivot della Reyer, ma decisiva è anche la difesa che annulla le stelle di Sacchetti, a cominciare da Crawford. Sabato si torna al Palaradi per gara-2

CREMONA-VENEZIA 80-87
Altro colpo in trasferta in gara-1 di semifinale. Venezia espugna con grande autorevolezza Cremona (87-80), prendendosi il fattore campo. Decisivi un monumentale Mitchell Watt (22 punti, 7 rimbalzi, 3 assist e 31 di valutazione) e la difesa Reyer che annulla tutte le bocche da fuoco Vanoli. Soprattutto Stone mette la museruola a Crawford, stordito dall’intensità altrui, ma De Raffale si gode pure Tonut e il miglior Cerella dell’anno. Sabato il secondo atto, sempre al Palaradi.

LUNGHI Equilibrio nei primi 20 minuti con i lunghi che tengono banco nella sfida tra le squadre che forse tirano meglio dall’arco. Sia Sacchetti che De raffaele allargano subito le rotazioni, così si rivedono in campo Tonut, uscito finalmente dai problemi di cefalea, Cerella mascherato dopo il colpo subito da Jovanovic e Gazzotti che fino aveva giocato solo 8 minuti nei playoff. La Vanoli decolla col penetra e scarica, toccando anche il +7 (33-26). La Reyer si aggrappa prima a Watt (10 punti con 5/6 alla prima sirena) e poi a Vidmar per ricucire lo svantaggio (9-2 il break Venezia). Poco prima dell’intervallo entra in scena con una tripla l’mvp Crawford, che i n questi playoff viaggia a 25.7 punti di media. Ma Venezia è lì e chiude a -3 (37-40).

RIPRESA Al rientro Julyan Stone toglie l’inerzia dalle mani di Cremona e firma il primo vantaggio Reyer (45-44), implementato da Daye fino al +9 (56-47). La difesa veneta toglie ritmo all’attacco Vanoli, il che significa un parziale di 19-7 che manda in tilt gli uomini di Sacchetti. Le folate di Ruzzier rianimano Cremona con un 10-3 che la Reyer rintuzza grazie alle triple di Cerella per il 64-59 alla terza sirena. Venezia piazza un nuovo allungo all’aba dell’ultima discesa con un 9-0 che vale il +12 (73-61), Cremona prova a reagire ma le triple di Haynes e Bramos mettono la parola fine a gara-1. FONTE:GAZZETTA.IT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *